E Vaganian che fa?! La sa giocare la francese? Chiedetelo a Reshevsky!

agenzia web marketingAll’ indirizzo https://en.wikipedia.org/wiki/Rafael_Vaganian troviamo delle informazioni utili su questo mostro degli scacchi. In breve. Ha ottenuto lo status di Grandmaster internazionale nel 1971, all’età eccezionalmente giovane di 19 anni, dopo un eccellente risultato al torneo Vrnjacka Banja dello stesso anno, dove ha ottenuto il primo posto davanti a Leonid Stein e Ljubomir Ljubojević. Questo è stato anche l’anno in cui è arrivato quarto al World Junior Chess Championship, il vincitore è stato il giocatore svizzero, Werner Hug. Sulla scia di questo risultato deludente, era così arrabbiato con se stesso che sfidò Hug a un incontro lampo nel tentativo di recuperare un po ‘di orgoglio. I giocatori hanno fatto il blitz solo e Vaganian è risultato vincitore. Personaggio allegro e popolare nel circuito del grandmaster, la sua prestazione complessiva in carriera è eccezionale e include ulteriori vittorie a Kragujevac 1974, São Paulo 1977, Kirovakan 1978, Las Palmas 1979, Manila 1981, Hastings 1982/83, Biel 1985 (Interzonal), Leningrado 1987, Toronto 1990 e Ter Apel 1992. A Mosca 1982 e Tallinn 1983, condivide il primo posto con Mikhail Tal e al Næstved 1985 con Walter Browne e Bent Larsen. Ha vinto due volte il torneo di scacchi di Reggio Emilia, la 35a edizione 1992/93 e la 37a edizione 1994/95. A Odessa nel 1989, ha vinto il 56esimo campionato sovietico al suo 38esimo compleanno. Nei precedenti tentativi aveva condiviso il terzo posto a Leningrado nel 1974 ea Mosca nel 1983, mentre finiva secondo nella sua città natale, nel 1975.agenzia web marketing È stato candidato al campionato del mondo due volte, perdendo per Andrei Sokolov nel 1986 e per Lajos Portisch nel 1988. Si stima che abbia vinto più di trenta tornei in totale, e nel 2004, legato per il primo posto a Mosca L’Aeroflot si apre con Sergei Rublevsky e Valerij Filippov. Nel gennaio 2005, il suo punteggio Elo raggiunse brevemente il massimo del 21 ° secolo al 2670, rimettendolo tra i primi 50 del mondo, nonostante fosse a metà degli anni Cinquanta. Il profilo di questa bestia agonistica lo si trova all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessplayer?pid=13989 e ci sono delle gemme che in tanti forse ricorderanno, come la celebre francese contro Reshewsky giocata nel 1976 http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1145474 dove si evince che passeggiare con troppa sicurezza in apertura verso il centro della scacchiera non é qualcosa che fa bene al tabellone. mPer vedere il più classico degli alfiere prende pedone f7 bisogna andare su http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1145443 mentre per rispondere alla domanda critica “ma questi GM finito il periodo d’oro a distanza di anni sono ancora in grado di battere in maniera convincente forti GM contemporanei?” bisogna vedere come viene tritato il francese Lautier all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1277125. E per rispondere al quesito posto da agenzia web marketing sullo stile scomodiamo la colonna Suetin che nel 1985, lo ha descritto come un giocatore con grandi doti naturali. Avendo giocato con lui un certo numero di volte, aveva percepito i grandi poteri di intuizione degli armeni: “Ha una bella sensazione della dinamica di una battaglia a scacchi e sa come intensificare il gioco al momento giusto, non sempre calcola le varianti completamente, facendo affidamento sul suo naturale intuito.” Delle idee volatili di Vaganian alla scacchiera, ha aggiunto “… Il sentimento di paura o incertezza gli è sconosciuto: è un ottimista perpetuo, pieno di intenzioni ambiziose in ogni fase di ogni gioco, con un temperamento esplosivo …”. E ora dopo aver capito che le partite di Vaganian vanno viste studiate ripassate e memorizzate perché senza cultura scacchistica non si va da nessuna parte saltiamo con le esigenze didattiche di Umbriaway Consulting a JavaScript parlando di ARRAY e di armadi e di cassetti e di rappresentazioni di dati. Le matrici ricorda agenzia web marketing, memorizzano più valori in una singola variabile. Per memorizzare tre nomi di corso, hai bisogno di tre variabili.

var course1 =”HTML”;
var course2 =”CSS”;
var course3 =”JS”;

Ma cosa succede se hai avuto 500 corsi? La soluzione è un array.

var courses = new Array(“HTML”, “CSS”, “JS”);

Questa sintassi dichiara una matrice denominata corsi puntualizza agenzia web marketing, che memorizza tre valori o elementi. Si fa riferimento a un elemento dell’array facendo riferimento al numero di indice scritto tra parentesi quadre. Questa istruzione accede al valore del primo elemento nei corsi e cambia il valore del secondo elemento.

var courses = new Array(“HTML”, “CSS”, “JS”);
var course = courses[0]; // HTML
courses[1] = “C++”; //Changes the second element

[0] è il primo elemento di un array. [1] è il secondo. Gli indici di matrice iniziano con 0. Tentativo di accedere a un indice all’esterno dell’array, restituisce il valore non definito.

var courses = new Array(“HTML”, “CSS”, “JS”);
document.write(courses[10]);
//Outputs “undefined”

Il nostro array di corsi ha solo 3 elementi, quindi il decimo indice, che è l’undicesimo elemento, non esiste (non è definito). Puoi anche dichiarare un array, dirgli il numero di elementi che memorizzerà e aggiungere gli elementi in seguito.

var courses = new Array(3);
courses[0] = “HTML”;
courses[1] = “CSS”;
courses[2] = “JS”;

Un array è un tipo speciale di oggetto. Un array usa numeri per accedere ai suoi elementi, e un oggetto usa nomi per accedere ai suoi membri. Gli array JavaScript sono dinamici, quindi è possibile dichiarare un array e non passare alcun argomento con il costruttore Array (). È quindi possibile aggiungere gli elementi in modo dinamico, evidenzia agenzia web marketing.

var courses = new Array();
courses[0] = “HTML”;
courses[1] = “CSS”;
courses[2] = “JS”;
courses[3] = “C++”;

Puoi aggiungere tutti gli elementi che desideri. Per maggiore semplicità, leggibilità e velocità di esecuzione, è anche possibile dichiarare gli array utilizzando la sintassi letterale dell’array.

var courses = [“HTML”, “CSS”, “JS”];

Ciò risulta nello stesso array di quello creato con la nuova sintassi Array ().
È possibile accedere e modificare gli elementi dell’array utilizzando il numero di indice, come fatto in precedenza. La sintassi letterale dell’array è il modo consigliato per dichiarare gli array. Gli array JavaScript hanno proprietà e metodi integrati utili. La proprietà length di una matrice restituisce il numero dei suoi elementi, focalizza agenzia web marketing.

var courses = [“HTML”, “CSS”, “JS”];
document.write(courses.length);
//Outputs 3

La proprietà length è sempre uno più del più alto indice di array. Se la matrice è vuota, la proprietà length restituisce 0. Il metodo concat () di JavaScript consente di unire array e creare un array completamente nuovo. Esempio:

var c1 = [“HTML”, “CSS”];
var c2 = [“JS”, “C++”];
var courses = c1.concat(c2);

L’array di corsi che contiene 4 elementi (HTML, CSS, JS, C ++). L’operazione concat non ha effetto sugli array c1 e c2 – restituisce la concatenazione risultante come nuova matrice. Mentre molti linguaggi di programmazione supportano matrici con indici nominati (testo anziché numeri), chiamati array associativi, JavaScript no. Tuttavia, è ancora possibile utilizzare la sintassi di array denominata, che produrrà un oggetto. Per esempio:

var person = []; //empty array
person[“name”] = “John”;
person[“age”] = 46;
document.write(person[“age”]);
//Outputs “46”

Ora, la persona viene trattata come un oggetto, invece di essere una matrice. Gli indici nominati “nome” e “età” diventano proprietà dell’oggetto persona. Poiché l’array di persone viene trattato come un oggetto, i metodi e le proprietà di matrice standard produrranno risultati errati. Ad esempio, person.length restituirà 0. Ricorda che JavaScript non supporta gli array con indici nominati. In JavaScript, gli array utilizzano sempre indici numerati. È preferibile utilizzare un oggetto quando si desidera che l’indice sia una stringa (testo). Usa un array quando vuoi che l’indice sia un numero. Se si utilizza un indice denominato, JavaScript ridefinirà la matrice su un oggetto standard. L’oggetto Math consente di eseguire attività matematiche e include diverse proprietà, vediamo un esempio con agenzia web marketing.

document.write(Math.PI);
//Outputs 3.141592653589793

La matematica non ha costruttore. Non è necessario creare prima un oggetto Math. L’oggetto Math contiene un numero di metodi che vengono utilizzati per i calcoli. Ad esempio, quanto segue calcola la radice quadrata di un numero.

var number = Math.sqrt(4);
document.write(number);
//Outputs 2

Creiamo un programma che chiederà all’utente di inserire un numero e avvisare la sua radice quadrata.

var n = prompt(“Enter a number”, “”);
var answer = Math.sqrt(n);
alert(“The square root of ” + n + ” is ” + answer);

Il metodo setInterval () chiama una funzione o valuta un’espressione a intervalli specificati (in millisecondi). Continuerà a chiamare la funzione finché non viene chiamato clearInterval () o la finestra viene chiusa. Per esempio:

function myAlert() {
alert(“Hi”);
}
setInterval(myAlert, 3000);

Ciò chiamerà la funzione myAlert ogni 3 secondi (1000 ms = 1 secondo). Scrivi il nome della funzione senza parentesi quando lo passi nel metodo setInterval. L’oggetto Date ci consente di lavorare con le date. Una data è composta da un anno, un mese, un giorno, un’ora, un minuto, un secondo e millisecondi.
Utilizzando la nuova data (), creare un nuovo oggetto data con la data e l’ora correnti.

var d = new Date();
//d stores the current date and time

Gli altri modi per inizializzare le date consentono la creazione di nuovi oggetti data dalla data e ora specificate.

new Date(milliseconds)
new Date(dateString)
new Date(year, month, day, hours, minutes, seconds, milliseconds)

Le date JavaScript sono calcolate in millisecondi dal 01 gennaio 1970 ore 00:00:00 Universal Time (UTC). Un giorno contiene 86.400.000 millisecondi.

//Fri Jan 02 1970 00:00:00
var d1 = new Date(86400000);

//Fri Jan 02 2015 10:42:00
var d2 = new Date(“January 2, 2015 10:42:00”);

//Sat Jun 11 1988 11:42:00
var d3 = new Date(88,5,11,11,42,0,0);

JavaScript conta mesi da 0 a 11. Gennaio è 0, e dicembre è 11. Gli oggetti data sono statici, anziché dinamici. Il tempo del computer sta ticchettando, ma gli oggetti data non cambiano, una volta creati. Quando viene creato un oggetto Date, un numero di metodi consente di eseguire operazioni su di esso.

var d = new Date();
var hours = d.getHours();
//hours is equal to the current hour

Creiamo un programma che stampi l’ora corrente nel browser una volta al secondo.

function printTime() {
var d = new Date();
var hours = d.getHours();
var mins = d.getMinutes();
var secs = d.getSeconds();
document.body.innerHTML = hours+”:”+mins+”:”+secs;
}
setInterval(printTime, 1000);

Abbiamo dichiarato una funzione printTime (), che ottiene l’ora corrente dall’oggetto data e la stampa sullo schermo. Abbiamo quindi chiamato la funzione una volta al secondo, utilizzando il metodo setInterval. La proprietà innerHTML imposta o restituisce il contenuto HTML di un elemento. Nel nostro caso, stiamo modificando il contenuto HTML del corpo del nostro documento. Questo sovrascrive il contenuto ogni secondo, invece di stamparlo ripetutamente sullo schermo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: