Colpo della fenice di Nanto: una torre da sola non fa primavera ma da sola pareggia il gioco se si immola nel punto G! Partita Pepino vs Faraoni, Asti 1998, B78 il nero trova un miglioramento sulla linea principale del dragone per pareggiare velocemente senza pregiudicare le esigenze del pubblico

In una partita al torneo di Asti nel 1998 se non sbaglio vinto dal GM Cebalo dove avevo il nero e 2190 di elio (per dire che forse giocavo meglio quando giocavo peggio ah ah) dopo le mosse 1. e4 c5 2. Nf3 d6 3. d4 cxd4 4. Nxd4 Nf6 5. Nc3 g6 6. Be3 Bg7 7. f3 O-O 8. Qd2 Nc6 9. Bc4 Bd7 10. O-O-O Rc8 11. Bb3 Ne5 12. h4 h5 13. Bg5 Rc5 14. g4 hxg4 15.f4 ha un difetto, lascia incustodito il pedone e4 ma ritorneremo in seguito su questo dettaglio (diagramma) 15..Nc4 16. Bxc4!? una alternativa minore insidiosa rispetto ad altre opzioni di donna 16..Rxc4 17. Bxf6 Bxf6 18. e5 dxe5 19. fxe5 Bxe5 20. Nde2 l’idea della variante, il nero ha dei problemi sulla colonna “d” e può sfruttare questo vantaggio per accellerare l’attacco ad est 20..Qb6? Novità. Qui la posizione é oggettivamente pari se il nero gioca la mossa normale 20..Tc7 ad esempio 21 h5 e6 22 hg Df6 23 gf7 Df7 24 Dg5 Dg7 e non c’è nulla da temere 21. Qxd7 Rfc8 qui ci si accordo per il 1/2 ma il bianco vince incurante delle pseudo minacce del nero (che non si sa bene quali siano) semplicemente incrementando il suo vantaggio materiale con 22 Donna prende e7

A questo punto ritorniamo alla sequenza

1. e4 c5 2. Nf3 d6 3. d4 cxd4 4. Nxd4 Nf6 5. Nc3 g6 6. Be3 Bg7 7. f3 O-O 8. Qd2 Nc6 9. Bc4 Bd7 10. O-O-O Rc8 11. Bb3 Ne5 12. h4 h5 13. Bg5 Rc5 14. g4 hxg4 15. f4

Ora la proposta avanzata dal ceo di Umbriaway Consulting Faraoni Enrico é 15 …Txc3! detta anche colpo della fenice di Nanto, le analisi sono molto complesse ma confidiamo di poter tornare su questa posizione con partite tratte dalla pratica di torneo. Se vogliamo fare l’albero del punto G pardon di Kotov , qui abbiamo Dc3, bc3 e Af6. E’ sicuramente un colpo che taglia tonnellate di linee principali e coglierà sicuramente di sorpresa l’avversario che non può studiare tutto.

Annunci

Best games 2018, Carlsen come il prezzemolo anche se non usa PYTHON

Sacrifici corretti, sacrifici scorretti, ma una bella partita giocata ha tutta una serie di parametri per essere giudicata avvincente e bella e artisticamente adeguata rispondendo a precisi criteri di armonia e correttezza oppure no? All’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chesscollection?cid=1025103 abbiamo delle prestazioni da urlo ma sarò tutto vero? Ad esempio in questa prestazione di Shirov limitata solo dal fatto che é stata giocata in simultanea, il bianco pigro e indolente sacrifica un paio di torri d’angolo per concludere velocemente la partita in apertura: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1704700 inoltre sono reperibili molte partite di attacco giocate anche in maniera pulita e cristallina come ad esempio http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1485587 ma veniamo al punto, quali sono state le partite finora inizio 2018 che meritano menzione artirtica? Chessgames menziona Carlsen http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1908642, Giri http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1908518 e Anand il vecchietto decrepito in grande spolvero http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1908509 in effetti queste tre partite da sole sono in grado se visionate di produrre un patologico mal di testa della durata di un mese (mentre guardando una sola partita di un certo Planinc, una qualsiasi, il mal di testa durerebbe oltre 12 mesi senza soste). Complicazioni a go go che rispondono anche alla domanda critica: che cosa serve realmente per migliorare negli scacchi e fare il salto di qualità una volta che si sono appresi gli elementi di base per una corretta valutazione posizionale? Analisi, analisi e ancora anlisi. Senza la capacità di calcolare complesse varianti senza perdere aderenza con la realtà difficilmente si andrebbe da qualsiasi parte. E ora passiamo a Karpov, pardon volevamo dire a Pyton anche se tra i due ci sono delle analogie.Linguaggio compilato? Interpretato? Generazione di un bytecode e macchina virtuale? Andiamo con calma ad esempio: https://it.wikipedia.org/wiki/Interprete_(informatica) e proseguiamo con sangue freddo https://it.wikipedia.org/wiki/Linguaggio_compilato. All’ indirizzo https://umbriawayfocus.wordpress.com/2018/02/10/ma-se-io-gioco-il-gambetto-di-re-contro-aronian-posso-fare-patta-la-risposta-e-affermativa-se-usi-python-e-se-ti-chiami-carlsen/ abbiamo iniziato a curiosare su Pyton, a questo punto approfondiamo. Come dice mamma wiki Python è un linguaggio multi-paradigma, che ha tra i principali obiettivi dinamicità, semplicità e flessibilità. Supporta il paradigma object oriented, la programmazione strutturata e molte caratteristiche di programmazione funzionale e riflessione. Le caratteristiche più immediatamente riconoscibili di Python sono le variabili non tipizzate e l’uso dell’indentazione per la definizione delle specifiche. Altre caratteristiche distintive sono l’overloading di operatori e funzioni tramite delegation, la presenza di un ricco assortimento di tipi e funzioni di base e librerie standard, sintassi avanzate quali slicing e list comprehension. Il controllo dei tipi è comunque forte (strong typing) e viene eseguito a runtime (dynamic typing). In altre parole, una variabile è un contenitore al quale viene associata un’etichetta (il nome) che può essere associata a diversi contenitori anche di tipo diverso durante il suo tempo di vita. Usa un garbage collector per la liberazione automatica della memoria. Python ha qualche somiglianza con Perl, ma i suoi progettisti hanno scelto la via di una sintassi più essenziale e uniforme, con l’obiettivo di aumentare la leggibilità del codice. Analogamente a Perl è classificato spesso come linguaggio di scripting, ma pur essendo utile per scrivere script di sistema (in alternativa per esempio a bash), la grande quantità di librerie disponibili e la facilità con le quali il linguaggio permette di scrivere software modulare favoriscono anche lo sviluppo di applicazioni molto complesse. Approndiamo sempre all’ indirizzo: https://it.wikipedia.org/wiki/Python :sebbene Python venga in genere considerato un linguaggio interpretato, in realtà il codice sorgente non viene convertito direttamente in linguaggio macchina. Infatti passa prima da una fase di pre-compilazione in bytecode, che viene quasi sempre riutilizzato dopo la prima esecuzione del programma, evitando così di reinterpretare ogni volta il sorgente e incrementando le prestazioni. Inoltre è possibile distribuire programmi Python direttamente in bytecode, saltando totalmente la fase di interpretazione da parte dell’utilizzatore finale, e ottenendo programmi Python a sorgente chiuso. Come il Lisp e a differenza del Perl, l’interprete Python supporta anche un modo d’uso interattivo attraverso il quale è possibile inserire codice direttamente da un terminale, visualizzando immediatamente il risultato. L’interprete è inoltre contenuto nella libreria standard e come in molti altri linguaggi interpretati è possibile far valutare stringhe arbitrarie nel contesto corrente. È però possibile passare all’interprete anche un contesto completamente diverso, sotto forma di liste che contengono l’elenco dei simboli definiti. Python dispone anche di un framework per lo unit testing che supporta lo sviluppo di test unitari automatici. E le prestazioni? Se paragonato ai linguaggi compilati statically typed, come ad esempio il C, la velocità di esecuzione non è uno dei punti di forza di Python, specie nel calcolo matematico. Esiste un’estensione, Psyco, che è una sorta di compilatore JIT in grado di velocizzare in modo notevole alcuni tipi di codice, specialmente l’implementazione di algoritmi, pur aumentando la memoria utilizzata. Le performance di Python sono allineate o addirittura superiori ad altri linguaggi interpretati, quali PHP e Ruby, e in certe condizioni può rivaleggiare anche con Java. Non va inoltre dimenticato che Python permette di aggirare in modo facile l’ostacolo delle performance pure: è infatti relativamente semplice scrivere un’estensione in C o C++ e poi utilizzarla all’interno di Python, sfruttando così l’elevata velocità di un linguaggio compilato solo nelle parti in cui effettivamente serve e sfruttando invece la potenza e versatilità di Python per tutto il resto del software.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑