Immobilità latente, pericolo costante: perchè l’allenamento quotidiano nella propria disciplina ci sprona a perfezionare la tecnica!

web-design-umbria

Che sia sport, lavoro, passione o attività atipica c’è sempre da imparare quando si esplora e ci si allena a cercare nuove situazioni o soluzioni per chi é dentro al working progress formativo perenne. Quando non ci si allena e ci si ferma si perde l’attitudine al combattimento. Prendiamo i problemi risolti per realizzare la gallery all’ indirizzo https://www.farwebdesign.com/umbriagallery/ allestita per fare un pò di ripasso. Se hai perso l’allenamento con php e mysql un semplice lavoro di poche ore rischia di debordare perchè per strada incontri dei problemi che hai già risolto ma che non ti ricordi bene come risolvere ancora, nello specifico:

web-design-umbriaCome si recupera un valore GET per comporre una pagina che deve servire da allunaggio per quindici elementi che formeranno 15 pagine tutte diverse? Come mai la costruzione dinamica di un link o di una immagine non viene mai risolta al primo colpo quando cerchi di recuperare dei valori da un DB? La paginazione degli elementi è stata allestita per evitare che quindici record scorrano a video come un lenzuolo? Quando estrapolo i dati dalla query per la visualizzazione è meglio incastrare PHP dentro la parte statica HTML quando voglio comporre il div critico intercalando le graffe in chiusura e riapertura nei punti giusti o é meglio creare un unico blocco di codice PHP e sparare tutto l’HTML risultante con il classico comando ECHO?

Tolte le grane iniziali per comporre il DB che tolgono tempo, occorre valutare bene anche l’uso degli strumenti per mettere in piedi una gallery come quella presente su web design Umbria:

 – ok per w3css così per il vestito impariamo altre sfumature nel lavoro del sarto

– ok a visual studio code che sta guadagnando terreno anche tra i concorrenti (il vero professionista usa PHP storm come strumento per editare il codice)

– ok per i contenuti estrapolati sul network umbriaway consulting serviti per comporre il DB e quindi anche tutto quello che c’è dentro la cornice.

– ok anche a pò di passione ed entusiasmo perchè questa gallery in realtà si può riutilizzare con opportuni cambiamenti come struttura base per altri ottantacinquemila progetti!

Quindi la FAMOSA RICETTA PER FARE LA TORTA  prevede come fasi consequenziali:

  • pianificazione idea progetto
  • progettazione del db (nome dei campi, tipo di dati)
  • creazione della grafica per il db
  • scrittura del db come inserimento di dati
  • scrittura del file di connessione e inclusione dello stesso sulla pagina principale
  • recupero dei TAG W3CSS per imbastire la pagina principale
  • individuare la zona critica dove posizionare gli elementi facendo molta attenzione a non alterare la struttura
  • incastrare la nostra query di lettura dati nel punto giusto facendo molta attenzione a dove e come si interviene
  • provare la pagina e imprecare (bonariamente)
  • vedere perchè ci segnala errore da qualche parte: hai inserito una virgoletta di troppo per esempio?
  • Tornare sulla pagina e idolatrarsi con quanto sono figo
  • pensare a come gestire quindici contenuti diversi che al cliccare della pagina mi fanno allunare su un unico punto
  • realizzare un meccanismo di sparo del campo univoco chiave primaria ID che tramite il metodo GET transiterà via link verso la pagina di destinazione
  • recuperare la variabile ID per inserire il valore selezionato nella query di lettura dati dove questa volta comparirà la clausola WHERE id=’$id’ di fondamentale importanza per centrare il nostro obiettivo
  • se andrà tutto bene (ancora?!) allora risolvere il problema paginazione passando prima per un caffè aromatizzato allo zenzero per trovare energie e finire il progetto
  • sistemare link e immagini con php in chiave dinamica

controllo finale e frustrazione anche per non essere riusciti a implementare il meccanismo di selezione arbitrario, ossia l’utente quante immagini deve vedere a video, cosa non facile da fare all’ interno della stessa pagina senza creare diverse pagine con il valore di $limit sempre diverso. Forse è un bene che non sia finito tutto perfetto, perchè in questo modo il cervello continua a rimanere attivo in cerca di risposte!

web-design-umbriaUn applicativo che tanto tempo prima finivate in 4 ore qui ha richiesto dopo tanto tempo di inattività con php e mysql otto ore di scontri con entità digitali ultratterestri non ben precisate. Quindi mai perdere l’allenamento! In ogni caso come chiede il capo di Camelot Artù al suo mago Merlino in Exalibur film degli anni ottanta di Borman, alla domanda Artù quale è la prima qualità di un potenziale sviluppatore frontend (lì si parlava di cavalieri) si risponde con: la sua capacità di recuperare in fretta informazioni che ha già visto e quindi anche spulciare la documentazione e la marea di dati presenti in rete per risolvere un problema, tra cui anche il mitico ospedale simbolico per sviluppatori https://stackoverflow.com/

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑